Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 27107 - pubb. 08/04/2022

Elezioni del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati e applicabilità del limite del doppio mandato

Consiglio Nazionale Forense, 11 Marzo 2022, n. 12. Pres. Pardi. Est. Capria.


Ricorso dinanzi al Consiglio Nazionale Forense – Applicabilità del limite del doppio mandato – Commissariamento COA e unicità del concetto del mandato



In materia di violazione del limite del doppio mandato, il concetto di “mandato” (da computare nel calcolo dei mandati rilevanti ai fini della incandidabilità/ineleggibilità) deve intendersi in termini “oggettivi”, dovendosi considerare sempre e comunque la durata legale dello stesso, e non in termini “soggettivi”, non potendo soffrire eccezioni in relazione alla situazione personale del singolo consigliere. Di conseguenza il commissariamento del COA non costituisce motivo di “spacchettamento” del periodo di durata della consiliatura, non potendosi ritenere – i periodi antecedente e successivo alla gestione commissariale – due sub mandati totalmente distinti. (Nella specie, il Consiglio Nazionale Forense, ritenendo non condivisibile la tesi di chi voleva “spacchettare” il mandato immediatamente precedente alla contestata elezione di un Consigliere dell’Ordine, in due sub mandati totalmente autonomi si da considerarli due segmenti soggettivamente non cumulabili - e non consecutivi, siccome intervallati dalla gestione commissariale – , ha confermato l’orientamento formatosi sul punto, circa la non computabilità di entrambi i mandati in quanto infrabiennali; conferma Cass. civ. SS. UU. 10/12/21, n. 39375, Cass. civ. SS. UU. 26/3/21, n. 8566). (Nicola Zanni) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell’Avv. Nicola Zanni



Il testo integrale